Uncategorized

Abat Book Museum al Salone del Libro di Torino al fianco di Castelvecchi

Abat Book approda alla XXXIV edizione del Salone del Libro di Torino con la sua collezione di 18 lampade di design realizzate con copertine di prime edizioni. Ad ospitare il progetto il marchio Castelvecchi. Alla fiera verrà esposta anche la versione speciale della lampada Abat Book dedicata a Virginia Woolf che accompagnerà la promozione del volume della scrittrice inglese “Il lettore comune”, edito da Elliot edizioni.

Verona, xx maggio 2022 – In occasione del Salone del Libro di Torino, che si terrà dal 19 al 23 maggio, Lit Edizioni e il suo marchio Castelvecchi ospitano, all’interno del proprio stand, la mostra Abat Book Museum, il museo dedicato alle copertine dei libri. Si tratta dell’iniziativa culturale di Marta Bassotto, photo editor, e Piero Cortese, fotografo dello studio Art Frigò di Verona, nata per valorizzare storiche copertine della grande letteratura mondiale.

All’interno dello stand sarà esposta una collezione composta da 18 lampade realizzate con una selezione di copertine di prime edizioni e edizioni storiche di grandi classici della narrativa italiana e straniera. Tra le lampade in esposizione “Le Avventure di Pinocchio”, “Dracula”, “Dr. Jekyll e Mr. Hyde”, “The Hobbit”, “Moby Dick”. Verrà presentata contestualmente una serie di Abat Book personalizzate con la copertina del nuovo libro, edito da Castelvecchi, Il lettore comune di Virginia Woolf. Il volume raccoglie articoli firmati dall’autrice e apparsi sui giornali; una raccolta in cui ci si interroga sul compito del lettore, dello scrittore, dell’autore e del critico.

“Per noi si tratta di un’occasione unica di mostrare al pubblico il nostro lavoro quotidiano di ricerca e ricostruzione minuziosa di questi pezzi inediti – commentano Piero Cortese e Marta Bassotto – il Salone del Libro è un un’occasione importante per incontrare le persone e portarle alla scoperta di queste copertine, un ricco patrimonio sconosciuto ai più.”

Attraverso il restauro digitale lo studio Art Frigò restituisce riproduzioni di cover deteriorate nel tempo, e attraverso la ricostruzione digitale “ridisegna” e “riscrive” parti mancanti di edizioni che erano prive, ad esempio, del dorso o del retro. Un’idea di conservazione storica ed estetica che parte dal Novecento, da quando le copertine hanno cominciato a prendere vita propria assumendo un ruolo importante come “manifesto” del libro, una sorta di porta visiva che precede l’apertura del libro stesso.

Dietro alla ricostruzione, che è completamente fedele all’originale, c’è la ricerca filologica per riconoscere i caratteri/font dei titoli e dei testi, cercare immagini e illustrazioni a sé stanti che compongono la copertina, scoprire eventuali nomi di illustratori o grafici. Il restauro prevede di riportare la copertina del libro a una dimensione standard che possa mantenere qualità e definizione nella stampa. Le cover ricostruite vengono poi utilizzate nella creazione di oggetti di design, principalmente le lampade Abat Book, ma anche di taccuini, mobili, borse e foulards.

Abat Book Museum
Salone del Libro di Torino, 19-23 maggio 2022
Padiglione – 3
Stand – Q 115

Abat Book è un progetto originale di design dello studio Art Frigò che ha come basi fotografia e grafica e una lavorazione artigianale totalmente made in Italy, anche on demand. Il progetto comprende la realizzazione di lampade, notesbook, mobili, borse e foulards, con la riproduzione fotografica di copertine di libri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove + 1 =

Back to top button