Prima

L’età del ferro

è diretta da

Giorgio Manacorda

Alfonso Berardinelli

Walter Siti

Da luglio in libreria

Rivista Trimestrale

pp. 108

14 € edizione cartacea

Gratis il primo numero in edizione digitale

Sfoglia/Scarica il primo numero gratis

L’età del ferro

Non è una rivista di letteratura, né di “critica” o di “poetica”.

Non è una rivista di sociologia, antropologia, psicoanalisi o delle più varie humanities.

È una rivista militante senza engagement.

Forse è addirittura una rivista politica.

La letteratura è una forma irriducibile e insostituibile di conoscenza.

La letteratura non ha compiti di intrattenimento o di “impegno” immediato, ha la profondità “sociale” delle parole.

La letteratura ha a che fare con altri ambiti della cultura, anche con quelli in apparenza più lontani e diversi.

La letteratura non è democratica, è critica.

Non abbiamo ideologie e comunque fedi, credenze o religioni – neppure la religione della razionalità.

La differenza tra tecnologia hard e tecnologia soft – la differenza tra il Novecento e il Duemila – è solo apparente: l’espropriazione non cambia, ma, e non è poco, si sposta dal corpo alla mente, e così incide sulla qualità dell’antropos, decide della sua essenza.

Esiste un problema di ecologia della cultura, ovvero di ecologia di quello che siamo.

Noi leggiamo il mondo (quindi anche la polis) consapevoli che ciò che ci caratterizza come specie animale, e ci fa diversi da tutti gli altri esseri viventi, è la creatività della nostra mente.

Questa è la nostra militanza: rimettere al centro la potenza gnoseologica dell’arte, della poesia.

Questa è appunto una funzione politica: combattere per la salute della specie cui apparteniamo.

Nel primo numero

Immigrazione e terrorismo
Giorgio Manacorda
Il superossimoro

Giornalismo e letteratura
Walter Siti
Ma è vero o è bello?

Insofferenze
Alfonso Berardinelli
Lo stato attuale della produzione in versi

La sopraffazione nella storia e nell’amore
Matteo Marchesini
Il vestito imperiale della forza

Il conformismo della crudeltà
Giacomo Pontremoli
Il gergo della potenza

Distopie televisive
Gabriele Tanda
Nostalgia e paura dal mondo nuovo

Zibaldino
Paolo Febbraro
Le poesie dell’istrice

Immagini e conoscenza di sé
Marta Tibaldi
Prestami la tua mente per pensare

Letteratura e diritto
François Ost
La lotta per il diritto, una questione culturale

Humanities
Matteo Marchesini
Anticati e Modernariati

L’età del ferro
è diretta da

Giorgio Manacorda
Alfonso Berardinelli
Walter Siti

Redazione

Paolo Febbraro – Paola Del Zoppo – Matteo Marchesini – Giacomo Pontremoli – Gabriele Tanda

Segreteria di redazione

Bruna D’Ettorre – Giuliano Lozzi

Progetto grafico

Bruno Apostoli

?