Piccola saga carceraria

Continua a fare acquisti COD: 9788832823264 Categoria:

 

Besnik Mustafaj
Piccola saga carceraria
In un carcere nei Balcani il detenuto politico Bardhyl Huta è unito al nonno, al padre e alla moglie da un singolare destino che divide le generazioni in prigionieri e guardiani. Passato e presente si ricongiungono nel senso di prigionia, unica dolorosa costante fra le emozioni demolite dalla violenta coercizione delle guardie e il caparbio tentativo di sottrarsi alle vere catene, quelle della mente. Mustafaj riesce a ordire una trama densa e dal ritmo incalzante, che si muove fra l’oppressione tormentosa del carcere e quella del potere totalitario, traendone una saga scritta con originale maestria, che penetra nel senso più intimo di una sofferenza percepita ben oltre il versante dell’ingiustizia politica.

 

Besnik Mustafaj
(Bajram Curri, Albania, 1958) Politico e scrittore, è stato il primo ambasciatore albanese a Parigi dell’era postcomunista dal 1992 al 1997 e ministro degli Esteri dal 2005 al 2007. Le sue opere sono state tradotte in diverse lingue e nel 1997 è stato insignito del Prix Méditerranée étranger. In Italia sono stati pubblicati il saggio Albania. Tra crimini e miraggi (1993) e la raccolta di poesie Leggenda della mia nascita (2012). Si è ritirato dalla vita politica nel
2009 per dedicarsi alla scrittura.

 

RASSEGNA STAMPA

 

Anno

Isbn

Collana

Pagine

Back to top button