Io voglio onestà

Continua a fare acquisti COD: 9788869445538 Categoria:

 

Soren Kierkegaard
Io voglio onestà
Contro le menzogne del Cristianesimo ufficiale
Tra il dicembre 1854 e il maggio 1855 Kierkegaard pubblica sul quotidiano danese «La Patria» una serie di articoli, nei quali polemizza con
la cristianità ufficiale e i suoi rappresentanti che pretendono di essere considerati autentici testimoni del Vangelo senza tuttavia rinunciare
alla mondanità e ai benefici statali di cui godono. A questi articoli si aggiunge Questo dev’essere detto; lo si dica dunque, un opuscolo che
anticipa di un solo giorno l’uscita del primo numero de «L’istante», l’organo di stampa pensato dal filosofo per dare voce al proprio risentimento verso una situazione che non esita a definire «un prendersi gioco di Dio». In prima traduzione italiana, gli scritti con cui Kierkegaard compie l’estremo tentativo di suscitare nei suoi contemporanei la coscienza dell’infinita differenza qualitativa tra l’uomo e Dio.

 

Soren Kierkegaard
(Copenhagen, 1813-1855) Ultimo di sette fratelli, riceve una rigida educazione pietista, basata sulla disciplina e il rigore. Feroce critico dell’idealismo tedesco, sviluppa una filosofia personale incentrata sulla concretezza dell’esistenza singola e sul rapporto dell’uomo con Dio. Dotato di un profondo sentimento religioso, per tutta la vita polemizza con il cristianesimo ufficiale, fino al rifiuto di ricevere la comunione in punto di morte. Tra le sue opere: Enten-Eller, Timore e tremore, La malattia per la morte.

 

Anno

Isbn

Collana

Pagine

Back to top button